lunedì 26 novembre 2012

DOLCETTI SCONOSCIUTI: CATERINE e GALLETTI


Buongiorno carissime amiche!
Oggi vi voglio parlare di una tradizione che quasi sicuramente nessuna di voi conosce!
Oggi vi presento:
La Bela Bambuzèna!



Si tratta di una tradizione tipica di Ravenna, solo ed esclusivamente di Ravenna-città, già nella prima periferia in pochissimi la conoscono!
Ogni anno, per il giorno di S.Caterina (ovvero il 25 Novembre), i forni e le pasticcerie espongono sui loro banconi le "Caterine". Si tratta di biscotti di pasta frolla a forma di bambolina (la Bambuzèna in dialetto romagnolo) ricoperti di cioccolato e ornati di zuccherini colorati. 



S.Caterina è patrona delle sarte e a tale proposito a Ravenna viene tramandata oralmente una storia che narra di un amore contrastato fra una giovane sartina e un pasticcere. Visto che la famiglia della sartina era contraria all'amore fra i due giovani e impediva che i due potessero incontrarsi, il pasticcere escogitò un piano per poter inviare messaggi d'amore alla ragazza. Le preparò quindi un biscotto a forma di bambolina, una "Caterina", e glielo fece recapitare in modo da ricordarle il suo amore.

L'antica tradizione vuole che nel giorno di Santa Caterina vengano regalate queste deliziose bamboline alle bambine mentre per i maschietti ci sono i relativi "Galletti".

… noi di bambini non ne abbiamo, ma noi stessi spesso giochiamo ancora come bambini e abbiamo quindi passato la giornata di Sabato a divertirci preparando e decorando questi deliziosi biscotti.




Come già detto sono semplici biscotti di frolla, in ogni caso vi lascio la ricetta:

Ingredienti per 3 o 4 infornate (8 biscotti grandi + 18 piccoli):
350 gr di FARINA 00
150 gr di AMIDO di MAIS
2 UOVA
250 gr di ZUCCHERO
220 gr di BURRO

SALE
SCORZA di LIMONE

Per decorare:
200 gr di CIOCCOLATO FONDENTE 70%
ZUCCHERINI COLORATI / SMARTIES




Procedimento:
mescolare in una ciotola la farina setacciata con l’amido e lo zucchero, aggiungere il burro a pezzi e amalgamarlo alla farina in modo da ottenere un composto a briciole, unire un pizzico di sale e la buccia di limone, ricavare una buca al centro e aggiungere le uova, sbatterle ed iniziare ad incorporare al composto di briciole, quando il liquido si sarà assorbito, trasferire su una spianatoia infarinata e impastare fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti, avvolgere il panetto nella pellicola e mettere  in frigo per un'ora.
Accendere il forno a 180 °C. ricavare i biscotti e infornare per circa 12/13 minuti.
Decorare i biscotti spennellandoli col cioccolato fuso a bagno maria arricchendoli con gli zuccherini prima che il cioccolato solidifichi.
















25 commenti:

  1. E' vero, questa tradizione già a casa mia non c'è (anche se so che esiste). Avete fatto bene a biscottare! Non conoscevo la storia di questa santa, grazie:)
    Un bacione:**

    RispondiElimina
  2. ma che carini...se li vedessi il mio piccolo impazzirebbe!
    brava cara!
    bacio

    RispondiElimina
  3. Ciao cara, che belli e buoni questi biscotti...mi ricordano tanto i "Befanotti" che noi facciamo appunto per befana oppure le "corone" di San Bartolomeo.
    Sono deliziosi!
    a presto!
    Coscina di Pollo

    http://coscinadipollo.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. ma che cariniiiiiiiiiii :):)
    complimenti!
    un bacione

    RispondiElimina
  5. Bella questa storia, che in effetti non conoscevo... :)
    Sono d'accordo nel portare avanti le tradizioni popolari, anche a voce, perché spesso nascondono significati e valori che oggi, sempre di corsa, tendiamo a perdere.
    Buonissimi anche i biscottini... che avete decorato in modo spettacolare! :)

    RispondiElimina
  6. non conoscevo la storia, che bella e che bei biscottini!

    RispondiElimina
  7. sai che non conoscevo questa bellissima storia? pur decorando bamboline e i biscotti in tutti i modi! grazie per avercela raccontata ma sopratutto per questi piccoli dolcetti squisiti e sfiziosissimi.. un bacione e buona serata:*

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo questa tradizione... però dalle mie parti si usa fare una cosa simile a Pasqua, alle bambine si regala la pup(Pupa) e ai bambini la scarcedd(scarcella) una specie di cestino, non sono ricoperti di cioccolata, ma ci sono zuccherini e un uovo... però non so se c'è una storia dietro, mi informerò... Comunque mi sa che col cioccolato ci guadagnano in fatto di gusto! Baci

    RispondiElimina
  9. Che bella questa tradizione! E quanto sono belli e soprattutto golosi questi biscotti!!!!!!

    RispondiElimina
  10. carinissimi questi biscotti e bellissima tradizione, non la conoscevo questa storia ed è molto romantica! ciao cara!

    RispondiElimina
  11. Bella tradizione e bella storia!
    Bravissima! Mi piacciono tanto i tuoi biscotti!

    RispondiElimina
  12. i dolcetti tipici sono una cosa bellissima che bisogna assolutamente preservare, come tutti i sapori della nostra tradizione, complimenti!

    RispondiElimina
  13. in effetti è la prima volta che vedo questi bicotti e devo dire che mettono molta allegria, li hai realizzati proprio bene, complimenti! un bacio e buona serata!

    RispondiElimina
  14. Che biscotti simpatici e come sono perfetti!! Siete stati davvero bravi nel realizzarli!
    IO non sapevo di questa tradizione!
    UN abbraccio cara.

    RispondiElimina
  15. Ma,si capisce che i Galletti hanno il papillon?

    RispondiElimina
  16. Ma che bello conoscere le tradizioni!!!!!!! Questi dolci sono bellissimi, allegri e golosissimi!!!!
    Grazie per averceli presentati!!!!
    Bacioni e felice settimana!!!!

    RispondiElimina
  17. complimenti!
    bellissima personalizzazione di una tradizione da mantenere e far conoscere.
    riguardo alla bontà.....ok credo sulla parola!!!!

    smack, smack, smack
    mammà

    RispondiElimina
  18. sono favolosi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!ti sono venuti veraemnte benissimo...sono troppo belli.....

    RispondiElimina
  19. ma che belli che sono!!!
    da prendere letteralmente a morsi :)
    se ne scopre ogni giorno una nuova sulle tradizioni popolari italiane!!!

    RispondiElimina
  20. no in effetti io non li conoscevo! ma pargono bellissimi oltre che buonissssimi! un bacione

    RispondiElimina
  21. ciao bietolina, puoi partecipare con una ricetta fatta da te che magari ti è anche riuscita particolarmente bene...mi spiace ma per regolamento non posso accettare la ricetta di altre persone!

    ps. questi dolcetti sono davvero carini!

    RispondiElimina
  22. grazie per prima cosa per averci reso partecipe di questa tradizione...infatti sconosciuta a quasi tutti credo, è bello conoscerle tutte!
    In più questi dolcetti sono uno spettacolo, un bacio tesoro!

    RispondiElimina
  23. Sconosciuta a tutti??? Ma dove vivete?! Al polo nord?!

    RispondiElimina
  24. Ma che belli che sono!!! Io sono di ravenna e oggi pomeriggio non posso non preparare queste delizie! Complimenti, Anna

    RispondiElimina